Non perdere tempo

Alzi la mano chi, nella sua vita, non ha mai pronunciato frasi come: “non ho tempo”, oppure “mi servirebbe una giornata di 48 ore”? Credo che sia capitato a tutti…

Il problema è che spesso, ci facciamo sopraffare dagli eventi, perché non siamo riusciti a prevedere in anticipo tali eventualità. O meglio: non abbiamo dedicato abbastanza tempo a pensare ai possibili problemi futuri

Più riesci a pianificare e minori saranno gli imprevisti. Certo, qualcosa alla quale non avevi proprio pensato esce fuori sempre. L’importante però, è riuscire a non restare invischiati per troppo tempo nelle attività considerate urgenti ma che in realtà non lo sono.

Ecco alcuni esempi:

  • telefonate non importanti
  • rispondere alle e-mail non importanti
  • incontri di lavoro superflui

Si tratta di attività urgenti ma che non sono importanti al fine di raggiungere gli obiettivi che hai fissato. Probabilmente non dovresti neanche svolgere tali attività. Alcune di queste però, non sono sotto il tuo diretto controllo e le devi svolgere tuo malgrado. L’importante è evitare di accumulare troppe attività di questo tipo. Se ciò dovesse accadere, allora starai sicuramente perdendo di vista l’obiettivo principale. Quello a lungo termine. La “sostanza”, insomma. Considera l’eventualità di eliminare qualcosa, se puoi. 

Ora a questo punto uno può dire che pianificare, schematizzare il lavoro, fissare degli obiettivi, preparare il lavoro. è comunque anche questo impegnativo e quindi occupa quel tempo che riteniamo di non avere. Questa è l’obiezione classica di chi non ha tempo. Molte persone però, non sono neanche consapevoli di come trascorrono il tempo che hanno a disposizione.  Quando si parla di risparmio economico, è chiaro a tutti che per capire dove finiscono i soldi, occorre annotare ogni spesa, giusto? Allora perché non fare altrettanto quando non si parla di soldi ma di tempo? Per risparmiare tempo, occorre prima di tutto sapere come lo si spende. Per questo è importante fare uno schema su carta.

Prendi un foglio di carta e scrivi come titolo: “Cosa riesco a fare in una settimana?”. Poi inizia ad elencare le attività che fai ogni giorno durante tutta la settimana. A fianco di ciascuna attività, annota il tempo che ci dedichi. Considera tutte le attività, dal fare la spesa al portare i figli a scuola. Dalla palestra alla fila alla posta, a quella in banca. Dalla colazione al bar, alla pausa pranzo. Non trascurare nulla. Una volta compilato questo schema, potrai capire dove poter agire per ottimizzare i tempi. Ad esempio, la fila in banca può essere evitata se apri un conto corrente online, le bollette possono essere domiciliate e così via. Certo, alla fine molte attività non potranno essere ridotte. Però ti accorgerai come spendi il tuo tempo e dove lo stai sprecando. 

Infine vorrei fare una piccola considerazione: spesso, più tempo a disposizione si ha e più se ne spreca. Al contrario, meno tempo a disposizione si ha e più efficacemente lo si utilizza. Forse è la conseguenza di quell’altro fatto: necessità fa virtù. 

segui il mio Blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *